Il reggiseno perfetto: una leggenda metropolitana?

Ciao! Oggi vi parlerò di quell’indumento femminile che aiuta ad esaltare il nostro essere donna: il reggiseno! Molte di voi ne fanno incetta appena esce la nuova collezione, mentre invece c’è chi fatica a trovare la propria taglia perché meno disponibile sul mercato. Sto parlando di quelle misure che comprendono le coppe oltre la C, generosamente fornite da alcune case di intimo,tra le quali le mie preferite sono la Triumph, LaSenza, Agent Provocateur, Darjeeling…tutti marchi stranieri i cui prodotti purtroppo sono acquistabili soltanto nei monomarca o in negozi selezionati. Per capirci, i numeri (prima, seconda, terza, etc) sono da riferirsi alla larghezza del torace, mentre le lettere (A,B,C…) all’effettiva grandezza del seno, determinata dalla coppa. Molte donne fanno confusione su questo, indossando reggiseni che non sono adatti a loro;  con una coppa media il fastidio può essere più o meno sopportato, ma nel caso di coppe superiori alla D nascono i problemi, come schiena piegata e spalle incurvate. Il reggiseno ideale deve sostenere aiutando la persona a camminare eretta, facendola sentire a suo agio tra gli altri.

Quindi, quando andate in un negozio di biancheria intima perché siete state colpite dallo stupendo reggiseno esposto in vetrina, misuratelo sempre: il seno non deve né fuoriuscire né rimanere schiacciato, mentre la circonferenza del torace deve essere tale che possiate chiudere il vostro reggiseno ai primi gancetti e le due bande aderiscano perfettamente al vostro corpo, senza salire sopra la schiena o stringere troppo.

L’Italia, tanto per cambiare, è indietro per quanto riguarda l’informazione sulla corretta vestibilità dei capi intimi; sì, in ogni sito internet di qualunque casa di intimo che si rispetti sono presenti le tabelle con tutte le informazioni necessarie, ma poi in negozio se si sbaglia la misura del torace o peggio della coppa è finita. E la cosa assurda è che le case di intimo che trattano la vendita delle coppe per maggiorate spesso chiudono i loro negozi nel nostro Paese perché  la domanda non basta a ripagare i costi di produzione e di vendita, costringendo molte di noi ad attraversare la città per trovare le taglie “introvabili”, o addirittura rifornirsi di reggiseni oltralpe. Le case di intimo dovrebbero considerare la presenza di coloro che possiedono misure diverse dall’ordinario, perché noi donne non siamo robot fatti con lo stampino, ognuna di noi ha un corpo unico nei suoi pregi e difetti e la lingerie dovrebbe mettere in luce i primi.

Non è facile trovare il reggiseno perfetto per noi, ma quando accade è come il momento di incontro dell’anima gemella: sappiamo che ne esistono molti altri ma quello è l’unico che ci fa stare bene.

Advertisements

About Marzia

Welcome to my blog! I'm an Italian 27-year-old girl who likes writing about everything: fashion, cinema, music, books and last but not least, astrology ;)
This entry was posted in Lingerie and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s